Home

Biografia

Presentazione del libro

Scrivi

BIOGRAFIA

Tino La Vecchia,
Catanese verace e orgoglioso delle sue radici, Tino La Vecchia, secondo di sette figli, nasce a Catania nel 1954.
Come tanti ragazzi della sua generazione trascorre un’infanzia difficile e travagliata. A soli diciotto anni entra a far parte della redazione di un settimanale locale «Sportivissimo Giovani» e si distingue subito per la sua straordinaria competenza calcistica, tanto che gli amici lo cominciano a chiamare «Il professore». Poco dopo comincia a collaborare con il quotidiano locale «Espresso Sera». Intanto si diploma con merito in Chimica industriale, si iscrive in Lettere moderne ad indirizzo storico all’Università di Catania e comincia a svolgere, insieme al padre, l’attività di venditore ambulante.
Nonostante tutto, riesce a trovare il tempo per studiare e per portare avanti quella che si prospetta come una brillante carriera giornalistica.
Un’incredibile serie di circostanze avverse lo porteranno a maturare due decisioni dolorose: prima abbandona l’attività giornalistica e subito dopo, con tredici esami superati, lascia gli studi universitari.
Dopo circa quattro anni rompe il sodalizio lavorativo con il padre e parte per assolvere gli obblighi di leva.
Dopo il congedo comincia a lavorare come rappresentante di bigiotteria d’argento, attività che non abbandona del tutto anche quando viene assunto come usciere presso l’Ufficio Tecnico Provinciale di Catania.
Intanto dopo un lungo fidanzamento, nel 1981, si sposa con Flavia dalla quale avrà due figli, Alfredo e Rita.
Sono anni difficili e di intensa attività lavorativa, durante i quali, però, Tino non smette mai di studiare letteratura e storia.
A fine 1985, ormai più che trentenne, effettua quello che viene definito il classico “colpo di testa”: lascia l’impiego come usciere e si iscrive nuovamente all’Università, stavolta in Filosofia.
Alla fine dell’anno accademico 1990-91 ottiene la Laurea in Filosofia ad indirizzo storico e a trentasette anni compiuti comincia una faticosissima carriera di insegnante in scuole parificate.

La svolta professionale

Nel 1995 la svolta professionale quando viene selezionato come docente da un grossissimo centro di preparazione agli esami universitari.
In breve riesce a spiccare tanto da ottenere numerosi riconoscimenti ufficiali.
Alla fine del 1999 coordina un corso di esegesi della Divina Commedia tenuto dal professore Santi Correnti.

Nell'anno accademico 1999- 2000 ottiene la seconda Laurea in Lettere moderne ad indirizzo letterario.
Dal 1995 al 2006 lavora in maniera quasi frenetica preparando mediamente agli esami universitari quattro studenti al mese e offrendo la sua consulenza didattica a numerose tesi di Laurea.
Con oltre 500 esami preparati diventa per l’azienda il primo docente in Italia per numero di esami preparati.
Dal 2006 il lavoro alla Scuola Statale diventa pregnante e quasi esclusivo.
Nel 1999 pubblica con l’editore Greco Il sale e il pepe, un fortunato libro in versi che sarà ristampato nel 2000.
Ha scritto per conto della CESD di Roma diverse dispense didattiche, particolarmente diffuse le dispense di Storia e di Letteratura italiana I corso, II corso e di Letteratura italiana moderna e contemporanea.
Oltre a svolgere l’attività di insegnante, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno all’attività di scrittore.
A fine luglio del 2012 ha prodotto il libro Di settembre in settembre: questo è il mio credo pedagogico che la casa editrice Akkuaria pubblica a fine maggio 2013 con il titolo Il papà di Pascoli non era commestibile.

Richiedi libro

 

  Edizione 2013 © Associazione Akkuaria 
www.akkuaria.org