Home

Biografia

Presentazione

Scrivi

 

Tommaso Mondelli
Un senso per la vita

 

Edizione 2014 

 

Dalla prefazione dell’autore



Lo scopo di questo libro è proprio quello di portare un modesto contributo all’individuazione delle nostre personali responsabilità, nel partecipare alla costruzione di quel percorso che indica la strada da seguire, dall’inizio alla fine della nostra vita. Certo dipende dai luoghi e dai tempi, dalle persone che si frequentano e dalle opportunità che si presentano o sono possibili in incontri occasionali o cercati.
Si sottolinea che il contenuto di questo libro non ha pretese scientifiche. Il contenuto stesso è solo frutto di esperienze personali e riflessioni logiche.
Dalla vita si può imparare ciò che si vuole. Leggere e riflettere, pensare e ricordare. Ciò che si fa e come si agisce.
Noi seguiamo un itinerario per compiere il percorso assegnatoci dalla vita: che si vive dalla nascita alla morte, attribuendo una notevole valenza a quel termine chiamato destino.
Tra noi e il destino che tipo di relazione, di parentela si può individuare? Ammettiamo che il destino sia una guida, un percorso determinato, ma in che senso? Certo una guida è, perché no? Come un padrone che porta il cane a guinzaglio, un padre che conduce il bambino per mano? E se non fosse così?
La lunghezza del percorso, anche se simile, non è uguale per tutti. Sì, perché ha in sé qualcosa del tutto personale, individuale, unico e inconfondibile. Ciascuno ha il suo personale destino.
Potrebbe quasi dedursi che non sia il destino che guida ciascuno di noi e che, invece, siamo noi a costruire e a prevalere sulla costruzione dell’ipotetico nostro destino. Lo tracciamo in tutto o in parte, o lo subiamo integralmente, come una nemesi? Nascere con un percorso già disegnato appare poco probabile. Non è una camicia che indossiamo alla nascita e ce ne liberiamo con la morte, come avviene con l’anima, quel purissimo soffio di vento, la biblica ruah, quella prima inspirazione.
Questa ipotesi può esser messa in dubbio, ma in definitiva non è esclusa. E se fosse così? Possiamo ammettere, o no, che noi navighiamo in un oceano di malintesi e di acque tempestose? Non si può escludere! Questo può farci pensare che in qualche modo noi abbiamo un qualche libero arbitrio, una qualche partecipazione nel confezionare quell’itinerario. Un nostro cosciente volere non sarebbe da escludere nella confezione di quel pacchetto e di contenuti del nostro destino.
Il corso degli eventi in qualche modo è indipendente dalla nostra volontà, bensì predeterminato, immutabile. Ma è anche vero che il destino è scortato dalla nostra esclusiva personalità. Ci sarà un momento durante il quale saremo costretti a scegliere, a compiere il nostro dovere, a portare avanti i nostri sogni. In quel preciso istante avremo bisogno di un equilibrio assoluto, integro.
Senza mai dimenticare che saremo “coloro che vogliamo essere”, solo e semplicemente compiendo una scelta, in un fatidico e inaspettato momento della nostra esistenza. La mente disordinata ed il corpo inospitale ci rende confusi e poco lucidi. E non saremmo mai coloro che avremmo desiderato diventare.
Non perdiamo mai il ricordo che il nostro corpo va curato, la nostra mente ossigenata, la nostra anima purificata e amata. Tutto questo non sarebbe possibile se non contribuissimo al nostro sostentamento, mantenendolo soddisfacente di vita e di nutrimento.
Dovremmo più spesso impegnarci a ricordare che questa funzione ci è stata donata, affinché gli esseri viventi, cibandosi di sostanze utili, possano accrescere e poter svolgere le necessarie attività vitali.
Consci dell’intera, piena e assoluta libertà di scelta individuale in materia di nutrimento, si vuole qui soltanto stimolare una riflessione sullo stato attuale delle cose che a noi sembra quasi naturale, in relazione all’attuale stato di salute della quale al cibo carichiamo una totale responsabilità.
Riteniamo che un equilibrio nutritivo, si possa raggiungere mediante uno studio attento e continuo, al fine di prestare con maggiore attenzione, e con piena coscienza, gli effetti che gli alimenti esercitano su ciascuno di noi e che di volta in volta assumiamo.
Logico che noi partiamo da un principio, con un suggerimento, non potendo agire in alcun altro modo. Consci della totale e assoluta libertà individuale e del fatto che in materia ciò che a qualcuno fa bene, ad un altro può far male, non ci sia altro modo che ricorrere a provare volta per volta, giorno dopo giorno, sino a quando ognuno avrà costruito il proprio stile di vita, che gli permetterà di vivere nel migliore dei modi e nella buona salute.
Salva la scelta dell’itinerario da percorrere il nostro obiettivo è solo quello di raggiungere e mantenere un livello più alto possibile di un buon equilibrio fisico e mentale.

 

Tommaso Mondelli


Tommaso Mondelli
La forza che il cuore imprigiona


1a edizione – Dicembre 2014

 

Le poesie di Tommaso Mondelli

Prefazione
di Raffaela Deiana


Che dire di Tommaso Mondelli che qualcun altro non abbia già detto? Parole inutili, se non si è tenuto in mano almeno uno dei suoi affascinanti libri di poesie!
Leggere i suoi versi è come tuffarsi in un oceano di sentimenti, di colori e di sensazioni profonde che strappano al lettore meraviglia e stupore, tanta è la saggezza che trapela dai suoi messaggi.
Egli osserva il suo amato pianeta da ogni angolazione, volge il suo sguardo ovunque e, per ogni angolo che osserva, i suoi versi sono lì, pronti a depositare nero su bianco fiumi di parole che scavano nel profondo e aiutano a riflettere sul senso stesso della vita.
Molte sue liriche denunciano la perenne stoltezza umana, senza mai cadere nella retorica. L’universo per lui è un libro aperto che sfoglia pagina per pagina, attentamente e pazientemente. I suoi versi sono un balsamo lenitivo dove la sofferenza purifica e salva, perché la speranza non abbandona mai le sue creature, anzi ne addolcisce gli affanni.
Soffermarsi su una sola poesia è davvero impossibile, un verso tira l’altro, come si dice per le ciliegie. Il lettore viene catturato suo malgrado, stupito e confuso da tanta saggezza che la mente di Tommaso esprime.
La sua sconfinata cultura rappresenta sicuramente una potente rampa di lancio che gli permette di volare alto e di vedere oltre, dove altri, sfortunatamente, non vedranno mai.
Un sentito grazie, dunque, a Tommaso Mondelli che ha saputo dare colore e splendore a chi vede soltanto in bianco e nero.

 

 

Richiedi libro a libri@akkuaria.org

È vietato l'uso delle immagini e dei testi non autorizzato.
© 2014 Associazione Akkuaria

Associazione Akkuaria
Via Dalmazia 6 - 95127 Catania
Registrata Ufficio Atti Civili di Catania il 3 maggio 2001 al n.ro 6010-3 - C.F. 93109960877

Presentazione Akkuaria - Statuto Akkuaria - Scrivi Akkuaria